28 Gennaio 2023

Rossomotori.it

Il motorsport raccontato fino all'ultima curva

Frederic Vasseur: “Simulatori nostri strumenti migliori, ma bisogna bilanciare teoria e pratica”

Frederic Vasseur simulatori
Il capo del muretto Ferrari Frederic Vasseur ha di recente dichiarato come il ruolo dei simulatori debba essere importante ma non essenziale.

In questi ultimi anni, la Formula 1 si è affidata molto spesso alla presenza di novità tecniche per sopperire all’assenza di test liberi durante la stagione. Si è investito quindi sui simulatori, che secondo molti tra cui anche Frederic Vasseur, possono aiutare una squadra ma non devono mai diventare una presenza troppo ingombrante. La prospettiva del francese, capo della gestione sportiva in Ferrari, sottolinea sempre una preponderanza del lavoro umano nelle sorti del team.

LEGGI: I test pre-stagionali saranno la chiave per la comprensione della W14 secondo Wolff

Frederic Vasseur: “I simulatori sono più sviluppati che mai, ma non ci danno tutte le risposte”

Frederic Vasseur è ormai pronto ad assumersi il ruolo di capo del muretto Ferrari, come fanno bene intendere le sue dichiarazioni riguardo all’utilità dei simulatori per il lavoro della squadra. L’approccio del francese è molto concreto. Egli, infatti, sottolinea come sia essenziale la presenza dello strumento tecnico, ma come non si debba affidarsi esclusivamente a quella per l’incidenza dei risultati in pista. Frederic Vasseur non smette mai di sottolineare come, simulatori a parte, sia la costanza del lavoro individuale e collettivo a fare i risultati di una squadra, e forse questo suo approccio è proprio ciò di cui la squadra del cavallino aveva bisogno. Ecco le sue dichiarazioni.

frederic vasseur simulatori
Photo Credit: Scuderia Ferrari Twitter

Simulazioni e simulatori sono i nostri strumenti migliori. Il tasso di sviluppo è estremo, grazie a questi mezzi. I team ora possono usare con sicurezza la tecnologia di simulazione per influenzare ciò che avviene durante il weekend di gara. Le simulazioni analizzano tutte le possibili variazioni di assetto, incluse le ali, l’altezza di marcia, le sospensioni e così via. Ma poi c’è l’evento in pista vero e proprio, che offre una moltitudine di variabili difficili da prevedere. I team devono quindi bilanciare costantemente teoria e pratica. Oggi la teoria è molto vicina alla realtà, molto di più rispetto a qualche anno fa. Le squadre ci si affidano maggiormente, ma affermare che possa fornire tutte le risposte è ben lontano dalla verità. Se il delta del simulatore si discosta di un solo punto percentuale, rischi di trovarti in testa o in coda“. – Frederic Vasseur

📱 Facebook, la nostra pagina ufficiale.
📸 Instagram, foto a sfondo motoristico e non solo!
🎙 Spotify, per ascoltare il meglio dei podcast in cuffia.
📹 YouTube, per gustarti tutti i nostri video.
👔 LinkedIn, rimani aggiornato sulle nostre offerte e contenuti.
🖥 Google News, per rimanere aggiornato sulle news direttamente dal tuo discovery.

Camilla Taglietti

About Post Author