squalifica oncu sofuoglu
Kenan Sofuoglu commenta la squalifica di Deniz Oncu dopo l'incidente causato in Texas.

La squalifica di Deniz Oncu continua a far discutere. A più di una settimana di distanza dalla famigerata gara della Moto3 in Texas, dove il giovane turco ha innescato la carambola che ha poi coinvolto Alcoba, Migno e Acosta, è Kenan Sofuoglu a dire la sua. Il mentore dei vari Toprak Razgatlioglu, dei fratelli Oncu e anche di suo nipote Bahattin Sofuoglu non si dice soddisfatto dei risvolti della vicenda.

Squalifica Oncu, ecco le pesanti parole di Kenan Sofuoglu

Deniz Oncu salterà per squalifica sia il GP dell’Emilia Romagna e del Made in Italy di Misano che il GP di Portimao. Il turco tornerà in pista solo in occasione dell’ultimo GP stagionale a Valencia. Kenan Sofuoglu però non ci sta, spendendo pesanti parole ai microfoni di Speedweek.com

Secondo me la decisione non è giusta. Anche in F1 ci sono piloti come Hamilton e Verstappen che guidano in modo molto aggressivo. Per vincere devi essere aggressivo, è nell’essenza di questo sport. I piloti moderni si lamentano troppo. Guardando i video, noto alcune manovre molto più pericolose di quella commessa da Deniz ad Austin. I piloti si lamentano dei miei ragazzi perché sono forti, perché non possono batterli. Da qui nascono i motivi per cui lamentarsi. Naturalmente siamo tutti dispiaciuti per la perdita di Dean Berta Vinales, ma ora Dorna sta esagerando e ha fatto di Deniz e Bahattin un esempio per dimostrare che chiunque guidi in modo aggressivo può essere punito in questo modo. Ma non è giusto per i miei piloti. 

Kenan Sofuoglu

Continua poi così il cinque volte campione del mondo della Supersport:

Bisogna invece analizzare l’intera gara e ogni pilota. Deniz non se lo meritava. È stata una caduta causata dalla sfortuna. È così che si fanno oggi le gare in Moto3 e nella classe Supersport300. Tutti cercano di seguire il pilota davanti per sfruttarne la sua scia. Una cosa è certa sui miei piloti: ci alleniamo più degli altri, lavoriamo più degli altri. Siamo aggressivi, ma guidando correttamente. Per me è molto importante evitare contatti, ma se segui solamente i tuoi avversari non vincerai mai una gara.

Kenan Sofuoglu

Tralasciando le considerazioni personali, sembra oggettivo che questa volta il buon vecchio Kenan abbia oltrepassato leggermente il limite.

SEGUICI SU:

Facebook, la nostra pagina ufficiale.
Instagram, foto a sfondo motoristico e non solo!
Spotify, per ascoltare il meglio dei podcast in cuffia.
YouTube, per gustarti tutti i nostri video.

Riccardo Zoppi

About Post Author