Pourchaire F2 Formula 1
Il giovane Theo Pourchaire, fresco vincitore della F2 2023, ha lanciato una provocazione sulla "promozione" in Formula 1.

Nel momento dell’annuncio del suo passaggio in Super Formula, Pourchaire ha lanciato una provocazione in merito ai vincitori della F2 e al loro eventuale passaggio in Formula 1. Il francese ha quindi toccato un tema spinoso, riguardante il rapporto tra talento e denaro che spesso pende a favore del secondo.

Theo Pourchaire ed il successo in F2: requisito per la promozione in Formula 1?

Dopo aver vinto la categoria propedeutica alla F1, Theo Pourchaire avrebbe voluto fare il salto nella classe regina del motorsport. Purtroppo non si è liberato nessun posto come pilota titolare, ragion per cui il pilota francese potrà solamente svolgere il ruolo di terzo pilota della Sauber. Nel frattempo Theo correrà nella Super Formula, serie giapponese a ruote scoperte così da non perdere l’abitudine nel correre. Detto questo il dispiacere nel non prendere parte alla Formula 1 resta, visto che spesso i vincitori della F2 sono stati “promossi”. Certamente non solo per i risultati, ma anche per gli sponsor e i team alle loro spalle – come accaduto a Leclerc con la Ferrari ed a Russell con la Mercedes.

Pourchaire F2 Formula 1
Photo Credit: Theo Pourchaire X

Tuttavia abbiamo anche assistito ad approdi in F1 di piloti con “tasche pesanti”, come Stroll e Latifi tra i più recenti. Due guide arrivate nella categoria senza aver raggiunto chissà che successi. Però mettendo insieme Leclerc, Russell, Stroll e Latifi, ne consegue una deduzione. Ovvero che tutti e quattro avevano alle spalle un contorno economico e di conoscenze probabilmente più forti di quelle di Pourchaire. Quindi il discorso fatto dal giovane francese su un diritto di promozione per i vincitori della F2 può essere condivisibile, ma alla fine nel motorsport i soldi sono il vero motore. Il talento è, purtroppo, un mero valore in più da far valere qualora sia di tuo possesso.

Le parole di Theo Pourchaire

“Sono il terzo campione di F2 consecutivo a non essere promosso dopo il suo titolo (i precedenti sono Piastri e Drugovich, ndr). So che non ci sono regole (in merito, ndr), ma sono comunque deluso perché ho fatto del mio meglio. L’obiettivo che mi era stato dato alla Sauber Academy era quello di diventare campione (in Formula 2, ndr) e l’ho raggiunto. Forse mi sono trovato nel posto sbagliato al momento sbagliato, ma non c’è posto sulla griglia della F1 nel 2024. Alcuni piloti raggiungeranno la scadenza del loro contratto nel 2024, il che potrebbe aprire a delle opportunità. Nel frattempo voglio continuare a mettermi in mostra, nel far vedere di cosa sono capace. Non penso che (ciò che dico, ndr) crei problemi con il sistema, ma penso che il campione di F2 meriti un posto in Formula 1”. Theo Pourchaire

SEGUICI SU:

📱 Facebook, la nostra pagina ufficiale.
📸 Instagram, foto a sfondo motoristico e non solo!
🎙 Spotify, per ascoltare il meglio dei podcast in cuffia.
📹 YouTube, per gustarti tutti i nostri video.
👔 LinkedIn, rimani aggiornato sulle nostre offerte e contenuti.
🖥 Google News, per rimanere aggiornato sulle news direttamente dal tuo discovery.

Giacomo Lago

About Post Author