Red Bull Ferrari minaccia 2022
Ferrari attua una nuova organizzazione nei propri piani a seguito di un piano di transizione ecologica, voluta dal CEO Vigna.

Benedetto Vigna, CEO della Ferrari, ha chiamato due esperti di STMicroelectronics per costruire una nuova organizzazione aziendale e lanciare il brand più famoso al mondo nella fase della transizione ecologica. Di seguito i nomi dei nuovi volti e la figura di Binotto compresa in questa rivoluzione.

Ferrari cambia sempre di più con la nuova organizzazione

L’obiettivo principale è quello di rivedere le proprie partnership, creare un nuovo piano strategico e portare la Ferrari fuori dall’isolamento in cui si trova non essendo parte di un grande gruppo industriale come lo era una volta. Adesso, Benedetto Vigna si è affidato agli esperti di STMicroelectronics e punta tutto sulla transizione ecologica che toccherà tutti i marchi automotive da qui al breve futuro.

Ferrari Logo
Evento Cavalcade Ferrari 2018 Monte Bianco – Photo Credit: Ferrari Media Center

Vogliamo spingere più avanti i confini in tutte le aree, utilizzando la tecnologia in una modalità unica e propria di Ferrari. La nuova organizzazione migliorerà la nostra agilità, essenziale per cogliere le opportunità di fronte a noi in questo scenario in rapida evoluzione.

Benedetto Vigna, CEO Ferrari

Ecco i nuovi volti dell’organizzazione Ferrari di Vigna

Di seguito sono elencati tutti i nomi toccati da questa nuova organizzazione del marchio Ferrari, come riportato da Motorsport.com Italia:

  • Gianmaria Fulgenzi è nominato Chief Product Development Officer, in seguito a un percorso in Ferrari iniziato nel 2002 e in cui ha ricoperto diversi ruoli nello sviluppo prodotto, nella produzione e più recentemente nella Gestione Sportiva, di cui era Head of Supply Chain.
  • Ernesto Lasalandra, nominato Chief Research & Development Officer, si unisce a Ferrari da STMicroelectronics, dove ha maturato un’esperienza di oltre 20 anni all’interno dell’innovativo settore hi-tech. 
  • Philippe Krief, che già lavora in Ferrari, sarà suo vice e capitalizzerà oltre 35 anni di esperienza nel settore automotive.
  • Silvia Gabrielli, in Ferrari dal 2019 che in precedenza ha lavorato per Microsoft è stata nominata Chief Digital & Data Officer.
  • Davide Abate, in precedenza Head of Technologies e in Ferrari dal 2012, è il nuovo Chief Technologies & Infrastructures Officer.
  • Angelo Pesci che arriva da STMicroelectronics è stata affidata la figura di Chief Purchasing & Quality Officer:  dovrà potenziare le partnership strategiche per portare la Ferrari fuori dall’isolamento in cui si trova non essendo più parte di un grande gruppo industriale.
  • Andrea Antichi è nominato Chief Manufacturing Officer, dopo aver ricoperto l’incarico di Head of Vehicle e aver lavorato in Ferrari dal 2006.
  • Marco Lovati prosegue il suo incarico di Chief Internal Audit Officer. 
  • Sabina Fasciolo continua a svolgere il suo ruolo di Chief Compliance Officer.

Mattia Binotto mantiene il suo ruolo

Mattia Binotto è stato compreso in questo piano rivoluzionario del marchio. Il manager svizzero continuerà la sua avventura a Maranello vestendo il ruolo di Team Principal della Scuderia Ferrari rimanendo a capo della GeS (Gestione Sportiva). Flavio Manzoni sarà ancora a capo del centro design.

SEGUICI SU:

📱 Facebook, la nostra pagina ufficiale.
📸 Instagram, foto a sfondo motoristico e non solo!
🎙 Spotify, per ascoltare il meglio dei podcast in cuffia.
📹 YouTube, per gustarti tutti i nostri video.

Raffaello Caruso

About Post Author